Family and Media

familyandmedia.eu

You are here: Home Argomenti Associazioni Uno sguardo equilibrato e attento ai social network, anche dalla fede cristiana

Uno sguardo equilibrato e attento ai social network, anche dalla fede cristiana

E-mail Stampa

"Reti sociali: porte di verità e di fede; nuovi spazi di evangelizzazione": Messaggio di Benedetto XVI sulle Comunicazioni Sociali 2013

La decisione di un Papa teologo di 85 anni di utilizzare periodicamente Twitter per mandare messaggi a tutti, cristiani e non cristiani, ha suscitato grande attenzione nei media e a dire il vero anche qualche polemica - già assopita - in alcuni ambienti cattolici.

Se l’interesse nei primi tempi è stato tutto rivolto a questa novità e alla curiosità sul numero dei “seguaci” on line, c’è da sottolineare invece come sia stata data meno attenzione dai media per la riflessione del Papa sui social network, in occasione del Messaggio della 47a Giornata Mondiale Delle Comunicazioni Sociali. La offriamo qui, con un breve commento di Familyandmedia.

Lo sguardo di Benedetto XVI è sereno ed equilibrato, senza considerazioni particolarmente romanzate, senza toni trionfalistici sulla tecnologia o sentenze poco ragionevoli, anche se non mancano critiche di buon senso.

Le sue considerazioni sono basate su un forte realismo: "l'ambiente digitale non è un mondo parallelo o puramente virtuale, ma è parte della realtà quotidiana di molte persone, soprattutto dei più giovani. I social network sono il risultato dell'interazione umana e, a loro volta, sono nuove forme dinamiche di comunicazione che creano nuovi tipi di relazioni: una lettura attenta di questo ambiente è la precondizione per avere una presenza significativa dentro di loro".

Ci sono continuati conseguenze per i suoi utenti, che vogliono essere, tutti in generale con più variati scopi, o i cristiani che vogliono presentare la verità del Vangelo nella nuova sfera pubblica che forma le reti sociali.

Lw L dfjfjLe conseguenze per gli utenti, che sono presenti sui social network per i più svariati scopi, sono di varia natura e così vale anche per quei credenti che vogliono testimoniare la verità del Vangelo pubblicamente sulle reti sociali.

Tutti gli utenti dovrebbero garantire l’autenticità della loro identitàse mirano a stabilire sui social network una vera forma di comunicazione umana e non a ridurla a un mero scambio di informazioni, opinioni o, nel peggiore dei casi, ad un persuasivo sfruttamento legato alla popolarità o alla celebrità. La maggior parte dei social network richiedono una identità ben definita e certa dei propri utenti, anche solo per una forma di protezione degli interessi commerciali. La proposta del Papa però va oltre, nella direzione di una conversazione veritiera, profonda, più personale. Le Reti sociali richiedono, per essere tali, uno sforzo da parte di tutti verso un dialogo motivato, verso un'argomentazione logica. Solo in questo modo essi saranno davvero inclusivi.

I cristiani, quando li hanno usati per rendere Cristo presente nelle reti, fare non solo per essere "al passo con i tempi, ma per consentire l'infinita ricchezza del Vangelo trova nuove forme di espressione in grado di raggiungere le menti e i cuori di tutti". A questo proposito, l'appello di un giovane, insolito partecipante nell'Assemblea plenaria del Pontificio Consiglio per la cultura, ai suoi membri è eloquente: "non deve commettere l'errore di essere su Twitter a scrivere in 140 caratteri solo perché giovani rendono. Cristo ha detto ama il prossimo tuo come te stesso in meno caratteri e ha fatto più di 2.000 anni fa. È necessario utilizzare questi 140 caratteri per fare quello che hanno sempre fatto, per moltiplicare questo messaggio in milioni di modi diversi."

I cristiani, quando usano i social network per testimoniare Cristo anche sulla rete, lo fanno non solo per essere "al passo con i tempi, ma anche per consentire che l'infinita ricchezza del Vangelo trovi nuove forme di espressione in grado di raggiungere le menti e i cuori di tutti".

Il Papa, a quest'ultimi, ricorda loro che Dio parla nel "sussurro di una brezza leggera" (1 Re 19, 11-12) e, quindi, 'il contatto' dovrebbe aprire all'incontro personale con altre persone, altri cristiani, anche nella preghiera, nella liturgia e nei pellegrinaggi.

"Non fate l'errore di essere su Twitter a scrivere in 140 caratteri solo perché lo fanno i giovani", ha detto Alessio Antonielli, un giovane che ha partecipato alla recente assemblea di novembre del Pontificio Consiglio per la Cultura.

 

Family and Media Mobile

Get it on Google Play

Pubblicazioni e Documenti

pdf-icoLa famiglia nei mezzi di comunicazione: Evangelizzazione ed evangelizzatori
Download
pdf-icoMessaggio del Santo Padre Francesco per la XLIX Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali.
Download
pdf-icoL'amore che porta nuova vita nel mondo – Il Rabbino Sacks sull'istituzione del matrimonio.
Download

 

pdf-icoRicordiamo che questo è un sinodo sulla famiglia.
Divorzio, annullamento e contraccettivi certamente hanno il loro impatto sulla vita famigliare, ma di sicuro un impatto negativo.

Download
pdf-icoIl linguaggio creativo: decodificazione, contestualizzazione e difesa dell'identità umana
Download

 

pdf-icoFamiglia o famiglie? Verso una migliore comprensione dell’umanizzazione e della generatività
Testo della conferenza del prof Malo tenutasi a Budapest il 5 Febbraio 2014 durante un convegno organizzato dalla Pázmány Péter Catholic University
Download
pdf-icoReti Sociali: porte di verità e di fede; nuovi spazi di evangelizzazione.
Messaggio del Santo Padre Benedetto XVI per la XLVII Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali
Download
pdf-icoLa Familiaris consortio trent'anni dopo.
Cardinale Carlo Caffarra, arcivescovo di Bologna. Bologna, Associazione AMBER, 22 gennaio 2012.
Download
pdf-icoRelazioni familiari, le loro rappresentazioni mediatiche e relazioni virtuali. Norberto González Gaitano (Pontificia Università della Santa Croce). Biblioteca “Giovanni Spadolini” del Senato della Repubblica Italiana. Giornata Internazionale della Famiglia 2011, 13 maggio 2011.
Download
pdf-icoLa comunicazione di moda - di Paolo Braga e Armando Fumagalli. E’ uscita da poco in libreria (novembre 2010) una nuova edizione, rinnovata e aumentata del fortunato e importante volume di Gianfranco Bettetini e Armando Fumagalli, Quel che resta dei media, Angeli, Milano (la prima edizione è del 1998).
Download
pdf-icoEducare ai media e con i media. L’intervento di Armando Fumagalli al corso Aiart di Mazara del Vallo (28 marzo 2010) ha ripercorso in parte i contenuti del seguente testo, scritto insieme a Paolo Braga.
Download
pixar_venezia_50_50La Pixar a Venezia
Armando Fumagalli
Leggi l'articolo
pdf-icoTesto della conferenza: Famiglia e mezzi di comunicazione sociale dal VI Incontro Mondiale delle Famiglie in Messico DF il 15 di gennaio di 2009
Norberto González Gaitano
Download
giovanni_paolo_ii_50_50Messaggio del Santo Padre Giovanni Paolo II per la XXXVIII giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali
"I media in famiglia: un rischio e una ricchezza"
Download
giovanni_paolo_ii_50_50Messaggio del Santo Padre Benedetto XVI per la XLIII giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali
"Nuove tecnologie, nuove relazioni. Promuovere una cultura di rispetto, di dialogo, di amicizia"
Download
Privacy Policy