Family and Media

familyandmedia.eu

You are here: Home Ultime Notizie Minori e internet: c’è bisogno di educazione

Minori e internet: c’è bisogno di educazione

E-mail Stampa

parental controls video thumbnail

Madri e padri sempre più preoccupati per le tante ore passate dai propri figli su internet. Un genitore su due infatti dichiara di avere una forte ansia per i possibili pericoli di una navigazione su siti dai contenuti inappropiati o sessualmente espliciti. E' quanto emerge da una recente ricerca condotta dalla Kasperky Lab, multinazionale operante nel settore della sicurezza informatica, con oltre 400 milioni di clienti in tutto il mondo.

Grooming e cyberbullismo sono tra i pericoli più temuti dai genitori su internet

Ma ci sono anche molti altri dati interessanti portati alla luce da questa ricerca. Il 41% dei genitori intervistati infatti teme che i propri bambini possano essere in qualche modo contattati su internet da estranei con cattive intenzioni. E' purtroppo il triste fenomeno del grooming, già affrontato nel nostro articolo Come evitare che i nostri figli cadano nella trappola del grooming. Il grooming è in poche parole il fenomeno di adescamento dei minori su internet da parte di certi adulti, che per guadagnarsi la loro fiducia fingono empatia, comprensione e affetto, con fini di soddisfazione sessuale (come ad esempio ottenere immagini del minore nudo). Pertanto è fortemente relazionato con la pedofilia e la pornografia infantile su internet. In realtà il grooming è in molte occasioni l'anticamera dello sfruttamento sessuale vero e proprio di bambini.

Il 40% dei genitori intervistati dichiara inoltre forte preoccupazione per una eccessiva condivisione dei dati personali. Informazioni a volte banali e semplici, come ad esempio l’indirizzo della propria abitazione o il proprio numero di telefono, sono a tutti gli effetti dei dati sensibili che, se pubblicati con leggerezza sui social netwoks, sono alla portata di chiunque. Tra tutti i possibili pericoli di internet, emerge inoltre sempre di più la preoccupazione che i nostri figli possano essere vittime del cyberbullismo, una vera e propria piaga sociale del nostro tempo, che ha già causato purtroppo molte morti tra adolescenti in tutto il mondo. Secondo un recente rapporto dell’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), in Italia si registrano al momento per fortuna bassi episodi di bullismo fra i ragazzi. Appena il 5% dei teenager italiani, infatti, denuncia di essere stato vittima di questo tipo di abusi; ad avere dati migliori c’è solo la Svezia dove la percentuale scende al 4%. Al lato opposto della classifica a far registrare le cifre più preoccupanti in tema di violenza fra minori tra gli 11 e i 15 anni c’è l’Austria. Più in generale, la media fra i paesi europei e del Nord America è dell’11%. Per approfondire il tema del cyberbullismo leggi il nostro articolo La rappresentazione mediatica degli adolescenti.

Quali sono gli strumenti per una difesa sicura ed efficace: il controllo parentale

Nonostante tanta ansia e preoccupazione, emerge da questa ricerca un dato finale molto curioso. Sebbene 2/3 dei genitori intervistati (il 61%) teme che i propri bambini possano navigare da soli su siti internet pericolosi, solo un quarto di loro (il 24%) ha installato sistemi di controllo parentale, vale a dire programmi che limitano gli accessi a determinate categorie di siti web ritenuti a bollino rosso. Il 76% dei genitori quindi si mostra molto preoccupato per i propri figli, ma poi all’atto pratico non fa nulla per difenderli o tutelarli dai potenziali rischi del web. In altre parole, c’è una forte consapevolezza delle minaccie, ma non una adeguata conoscenza degli strumenti opportuni per difendersi.I mezzi ci sono. Basta conoscerli e utilizzarli. Oltre all’installazione di sistemi di filtro familiare è sufficiente avere tanto buon senso, magari navigando insieme ai propri ragazzi, in particolare se minori, e soprattutto esercitare una costante attività di controllo, di guida e di orientamento, anche con la collaborazione degli insegnanti a scuola.

 

Da oggi navigare con il proprio cellulare sul sito di Familyandmedia, è ancora più facile, semplice e veloce. Scarica gratuitamente da qui l’applicazione sia per i sistemi Android sia per quelli IOS.

 

Family and Media Mobile

Get it on Google Play

Pubblicazioni e Documenti

pdf-icoLa famiglia nei mezzi di comunicazione: Evangelizzazione ed evangelizzatori
Download
pdf-icoMessaggio del Santo Padre Francesco per la XLIX Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali.
Download
pdf-icoL'amore che porta nuova vita nel mondo – Il Rabbino Sacks sull'istituzione del matrimonio.
Download

 

pdf-icoRicordiamo che questo è un sinodo sulla famiglia.
Divorzio, annullamento e contraccettivi certamente hanno il loro impatto sulla vita famigliare, ma di sicuro un impatto negativo.

Download
pdf-icoIl linguaggio creativo: decodificazione, contestualizzazione e difesa dell'identità umana
Download

 

pdf-icoFamiglia o famiglie? Verso una migliore comprensione dell’umanizzazione e della generatività
Testo della conferenza del prof Malo tenutasi a Budapest il 5 Febbraio 2014 durante un convegno organizzato dalla Pázmány Péter Catholic University
Download
pdf-icoReti Sociali: porte di verità e di fede; nuovi spazi di evangelizzazione.
Messaggio del Santo Padre Benedetto XVI per la XLVII Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali
Download
pdf-icoLa Familiaris consortio trent'anni dopo.
Cardinale Carlo Caffarra, arcivescovo di Bologna. Bologna, Associazione AMBER, 22 gennaio 2012.
Download
pdf-icoRelazioni familiari, le loro rappresentazioni mediatiche e relazioni virtuali. Norberto González Gaitano (Pontificia Università della Santa Croce). Biblioteca “Giovanni Spadolini” del Senato della Repubblica Italiana. Giornata Internazionale della Famiglia 2011, 13 maggio 2011.
Download
pdf-icoLa comunicazione di moda - di Paolo Braga e Armando Fumagalli. E’ uscita da poco in libreria (novembre 2010) una nuova edizione, rinnovata e aumentata del fortunato e importante volume di Gianfranco Bettetini e Armando Fumagalli, Quel che resta dei media, Angeli, Milano (la prima edizione è del 1998).
Download
pdf-icoEducare ai media e con i media. L’intervento di Armando Fumagalli al corso Aiart di Mazara del Vallo (28 marzo 2010) ha ripercorso in parte i contenuti del seguente testo, scritto insieme a Paolo Braga.
Download
pixar_venezia_50_50La Pixar a Venezia
Armando Fumagalli
Leggi l'articolo
pdf-icoTesto della conferenza: Famiglia e mezzi di comunicazione sociale dal VI Incontro Mondiale delle Famiglie in Messico DF il 15 di gennaio di 2009
Norberto González Gaitano
Download
giovanni_paolo_ii_50_50Messaggio del Santo Padre Giovanni Paolo II per la XXXVIII giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali
"I media in famiglia: un rischio e una ricchezza"
Download
giovanni_paolo_ii_50_50Messaggio del Santo Padre Benedetto XVI per la XLIII giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali
"Nuove tecnologie, nuove relazioni. Promuovere una cultura di rispetto, di dialogo, di amicizia"
Download
Privacy Policy