Family and Media

familyandmedia.eu

You are here: Home Ultime Notizie Sexting e teenager: il 40% manda messaggi a sfondo sessuale

Sexting e teenager: il 40% manda messaggi a sfondo sessuale

E-mail Stampa

smartphone 120907111154 medium

Più del 40% dei ragazzi italiani tra i 12 e i 17 anni invia o riceve, attraverso internet, messaggi, immagini o video, con riferimenti sessuali espiliciti e i genitori non lo sanno.

Di recente Save the Children ha pubblicato un rapporto stilato dall’agenzia IPSOS in vista dell’edizione 2015 del Safer Internet Day Study con l’obiettivo di misurare i livelli di conoscenza dell’ambiente digitale da parte dei teenager italiani.

Il sondaggio, eseguito su un campione di ragazzi tra i 12 e i 17 anni, rileva che la stragrande maggioranza di loro è iscritto ai principali social network e li usa per tenersi in contatto con amici e conoscenti. 

Attraverso questi mezzi uno dei comportamenti più diffusi è quello di inviare (44%) e ricevere (40%) messaggi a sfondo sessuale. Un’altro comportamento, anche se relativamente meno diffuso, è quello di inviare video o immagini che li raffigurano «in modo sconveniente» ad un adulto (20%) talvolta per avere in cambio dei regali (19%).

Contemporaneamente è diminuita la percezione dei pericoli sia online che offline: quelli più preoccupati dei rischi possibili (bullismo o molestie) sono i ragazzi tra i 12 e 13 anni (70% rispetto al 64% del totale intervistati). Mentre generalmente sono le ragazze a sentirsi più a rischio di ricevere molestie e aggressioni da parte di adulti (42% rispetto al 36% del totale). 

Il 23% dei ragazzi intervistati, inoltre, ha dichiarato di non farsi troppi problemi sui contenuti che invia in gruppi di conversazione in cui sono presenti sconosciuti. Altri comportamenti diffusi sono quello di darsi appuntamento di persona con qualcuno conosciuto in una chat (lo fa il 33% di loro, per poi scoprire il 15% delle volte che la persona con cui si era entrati in contatto non era in realtà la persona che diceva di essere), inviare dati personali ad un gruppo di cui non si conoscono tutti i componenti (33%), inviare messaggi, video o fotografie con contenuti sessualmente espliciti (19%).

Quanti genitori controllano l’attività dei propri figli sul web? Quanto sono consapevoli dei rischi che presenta la rete? I dati sull’argomento al momento sono scarsi, ma da una ricerca Ue rilanciata dalla Federazione italiana sessuologia scientifica (Fiss) è emerso che nel nostro paese solo il 15% dei genitori dei ragazzi che hanno sperimentato il sexting (la pratica di scambiarsi messaggi con contenuti sessualmente espliciti) ne sono consapevoli. Nel resto d’Europa la situazione è invece diversa: in Francia (20%), in Inghilterra, Olanda (25%) e Spagna (29%).

Nota: articolo riprodotto con il permesso di Documentazione.info

 

Registrati alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato su Familyandmedia. Basta solo un minuto del tuo tempo ed è completamente gratuita.

 

Family and Media Mobile

Get it on Google Play

Pubblicazioni e Documenti

pdf-icoLa famiglia nei mezzi di comunicazione: Evangelizzazione ed evangelizzatori
Download
pdf-icoMessaggio del Santo Padre Francesco per la XLIX Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali.
Download
pdf-icoL'amore che porta nuova vita nel mondo – Il Rabbino Sacks sull'istituzione del matrimonio.
Download

 

pdf-icoRicordiamo che questo è un sinodo sulla famiglia.
Divorzio, annullamento e contraccettivi certamente hanno il loro impatto sulla vita famigliare, ma di sicuro un impatto negativo.

Download
pdf-icoIl linguaggio creativo: decodificazione, contestualizzazione e difesa dell'identità umana
Download

 

pdf-icoFamiglia o famiglie? Verso una migliore comprensione dell’umanizzazione e della generatività
Testo della conferenza del prof Malo tenutasi a Budapest il 5 Febbraio 2014 durante un convegno organizzato dalla Pázmány Péter Catholic University
Download
pdf-icoReti Sociali: porte di verità e di fede; nuovi spazi di evangelizzazione.
Messaggio del Santo Padre Benedetto XVI per la XLVII Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali
Download
pdf-icoLa Familiaris consortio trent'anni dopo.
Cardinale Carlo Caffarra, arcivescovo di Bologna. Bologna, Associazione AMBER, 22 gennaio 2012.
Download
pdf-icoRelazioni familiari, le loro rappresentazioni mediatiche e relazioni virtuali. Norberto González Gaitano (Pontificia Università della Santa Croce). Biblioteca “Giovanni Spadolini” del Senato della Repubblica Italiana. Giornata Internazionale della Famiglia 2011, 13 maggio 2011.
Download
pdf-icoLa comunicazione di moda - di Paolo Braga e Armando Fumagalli. E’ uscita da poco in libreria (novembre 2010) una nuova edizione, rinnovata e aumentata del fortunato e importante volume di Gianfranco Bettetini e Armando Fumagalli, Quel che resta dei media, Angeli, Milano (la prima edizione è del 1998).
Download
pdf-icoEducare ai media e con i media. L’intervento di Armando Fumagalli al corso Aiart di Mazara del Vallo (28 marzo 2010) ha ripercorso in parte i contenuti del seguente testo, scritto insieme a Paolo Braga.
Download
pixar_venezia_50_50La Pixar a Venezia
Armando Fumagalli
Leggi l'articolo
pdf-icoTesto della conferenza: Famiglia e mezzi di comunicazione sociale dal VI Incontro Mondiale delle Famiglie in Messico DF il 15 di gennaio di 2009
Norberto González Gaitano
Download
giovanni_paolo_ii_50_50Messaggio del Santo Padre Giovanni Paolo II per la XXXVIII giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali
"I media in famiglia: un rischio e una ricchezza"
Download
giovanni_paolo_ii_50_50Messaggio del Santo Padre Benedetto XVI per la XLIII giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali
"Nuove tecnologie, nuove relazioni. Promuovere una cultura di rispetto, di dialogo, di amicizia"
Download
Privacy Policy